Romance de la Reina Juana

romances_juanaGiovanna di Trastamara, o Giovanna di Aragona e Castiglia detta la Pazza, in catalano Joana d’Aragó i de Castella o Joana la Boja, in castigliano Juana I de Trastámara, o Juana la Loca nacque a Toledo il 6 Novembre 1479 e morì a Tordesillas il 12 aprile 1555. Fu duchessa consorte di Borgogna, delle Fiandre e altri titoli dal 1496 al 1506, principessa delle Asturie dal 1498 al 1504 e principessa di Girona dal 1498 al 1516, regina di Castiglia e León dal 1504 al 1555, poi regina dell’Alta Navarra dal 1515 al 1555 e, infine, regina di Aragona, Valencia, Sardegna, Maiorca, Sicilia e Napoli e contessa di Barcellona e delle contee catalane dal 1516 al 1555. Discendente dal casato di Trastamara, era la figlia terzogenita del re di Sicilia e re della corona d’Aragona e futuro re dell’Alta Navarra, Ferdinando II e della regina di Castiglia e León, Isabella di Castiglia. Fu la madre di Carlo di Gand, futuro imperatore del Sacro Romano Impero col nome di Carlo V. Sua sorella fu Caterina di Aragona, sventurata prima moglie del sovrano inglese Enrico VIII.  La politica matrimoniale tipica per l’epoca, di Ferdinando e Isabella, Reyes Católicos come li aveva titolati nel 1494 papa Alessandro VI Borgia, sempre attenta a intrecciare unioni utili agli interessi della casata sul piano internazionale, portò matrimoni molto prestigiosi ai cinque figli. Per quanto riguarda Giovanna fu deciso che sarebbe diventata moglie di Filippo d’Asburgo detto Filippo il Bello, secondo figlio dell’imperatore Massimiliano I. Questa unione è considerata una delle scelte di politica matrimoniale meglio riuscite nella storia europea: l’erede di Giovanna e di Filippo sarebbe divenuto possessore di un territorio vastissimo oltre che pretendente alla Corona imperiale. Il tema centrale della storia di Giovanna è la sua, vera o presunta, follia. Le ricerche di Gustav Adolf Bergenroth e gli studi di Karl Hillebrand gettano nuova luce su un fatto storico archiviato frettolosamente, secondo questi studiosi, sotto la voce pazzia. Fatto che ha visto vittima non solo una Regina ma anzitutto una donna sacrificata, secondo questi studiosi, non alla ragion di stato bensì all’egoismo personale e politico di un padre prima, di un figlio poi, con un breve intermezzo coniugale in cui un marito colpiva negli affetti e nella femminilità una donna, la cui vera colpa era di essere Regina e di avere espresso, fin dalla fanciullezza, un anticonformismo religioso inconsueto per i tempi. Questo atteggiamento le aveva scatenato contro la madre Isabella Regina di Castiglia, la parte più retriva della gerarchia cattolica e di Ferdinando II d’Aragona, che ne facevano strumento di costruzione di una recente unità nazionale e di consenso alla propria politica. Lo studioso tedesco Bergenroth, nella seconda metà dell’Ottocento, con un lavoro da certosino e con spirito investigativo minuzioso ha scavato negli archivi di Simancas riuscendo ad aprire quegli armadi segreti che per più di quattro secoli avevano celato documenti che avrebbero dato un corso diverso alla storia di Giovanna di Castiglia. Quei documenti furono messi a disposizione della comunità storica con la loro pubblicazione nel Calendar of letters, despaches and State papers relating to negotiations between England and Spain, 1868. Giovanna fin dalla fanciullezza dimostrò un carattere non convenzionale e anticonformista, in un ambiente tetro, retrivo e storicamente difficile per la Reconquista e in cui la religione era un elemento importante dell’identità0meisterdermagdalenenleob9 nazionale. Se, una volta ultimata la Reconquista con la sconfitta definitiva di Boabdil, ultimo sultano musulmano di Granada, 2 gennaio 1492, e con l’ingresso ufficiale dei Re cattolici in Granada, 6 gennaio 1492, la nazione era sotto controllo dal punto di vista militare, vi erano tensioni politiche e socio-religiose. Sotto l’aspetto politico si era nella fase di consolidamento del potere reale, teso alla costruzione di una nascente unità nazionale; sotto l’aspetto socio-religioso incombeva il problema dei musulmani (moros), degli ebrei e delle eresie, problema risolto drasticamente con l’espulsione delle comunità giudaiche e dei moros. Giovanna era forse giovanilmente e caratterialmente ribelle e suscitava scandalo nella corte reale della madre, che la sottoponeva ad una disciplina sempre più rigida. La sua freddezza nei confronti del Cattolicesimo e dei suoi metodi si rivelarono una miscela esplosiva. All’età di 17 anni Giovanna viene data in sposa all’arciduca Filippo d’Asburgo per ragioni di alleanze politiche. Il 21 ottobre 1496 furono celebrate le nozze a Lier in veste ufficiale, in quanto Filippo era rimasto talmente affascinato dalla bellezza e dalla forza di Giovanna da volerla sposare (e consumare il matrimonio) nel giorno stesso dell’arrivo di Lei nelle Fiandre. I cortigiani vedevano Filippo e Giovanna come una coppia perfetta. Nonostante fossero solo degli adolescenti, insieme si dilettavano. Iniziarono ben presto a conoscersi e ad amarsi come se non appartenessero alla famiglia reale. Giovanna e Filippo si insediarono a Bruxelles dove nacque la loro prima figlia, Eleonora. La prematura morte del fratello Giovanni, a distanza di un anno da quella della sorella Isabella, regina del Portogallo, e del suo erede Miguel avvenuta nel 1500 pochi mesi dopo la nascita di Carlo, secondo figlio di Giovanna, fecero sì che Giovanna divenisse l’erede al trono di Castiglia. Se sotto l’aspetto politico il matrimonio era stato un successo diplomatico lo era stato anche sotto l’aspetto coniugale. Giovanna era solita respingere il marito quando questo degnava d’attenzione altre dame, riuscendo ad allontanarlo per mesi e a farlo cadere in depressione, mentre lui scatenava drammatiche scene di gelosia. Nel novembre del 1504, alla morte della madre, si aprì il problema della successione che per Giovanna ebbe sviluppi drammatici. Con l’inizio del problema della successione, iniziarono anche i problemi fra la coppia. Reso folle dall’ambizione e dalla sete di potere, Filippo voleva a tutti i costi impossessarsi del trono che spettava legittimamente alla consorte. La loro relazione si mantenne appassionata e salda anche nei periodi di odio, grazie al carattere forte di Giovanna e all’affetto cieco ed esagerato che Filippo nutriva per lei. Alla nascita di Ferdinando, Giovanna rimase in Spagna, mentre Filippo tornò nelle Fiandre per motivi politici. Quando si riunirono, la loro relazione si complicò poiché, nell’anno in cui Giovanna era stata assente, Filippo era stato con un’altra donna, per di più francese. L’ira di Giovanna fu presto sostituita da indifferenza. Nonostante i due non rinunciassero alla passione (nacque infatti un’altra figlia), qualcosa era cambiato. Filippo si ammalò e Giovanna si rifiutò di abbandonarlo, nonostante fossero ormai nemici dichiarati per il trono di Spagna. Quando lui morì, iniziarono le patologia di una presunta follia di Giovanna causata dal dolore per la sua scomparsa. È facile comprendere che Giovanna, fanciulla diciassettenne, vivesse il matrimonio con Filippo il Bello come un atto liberatorio, e, oltretutto, sviluppando un forte sentimento d’amore verso lo sposo, sentimento che si accorgerà ben presto di essere ricambiato con stucchevole devozione. Giovanna manifestò subito anche nella nuova casa il proprio temperamento poco ortodosso verso la religione, e poco dopo sviluppò un forte risentimento e una grande gelosia verso il marito. Le reazioni di Giovanna aumentarono il disappunto di Isabella, opportunamente informata dal frate Tommaso di Matienzo che aveva inviato alla figlia per recuperarla alla religione. Agli occhi della madre Giovanna appariva quasi eretica e pertanto non poteva essere nel pieno delle sue facoltà mentali. Questa situazione conflittuale faceva il gioco di Ferdinando, che non voleva perdere la Corona di Castiglia a favore della figlia e del genero, ma anche degli ambienti religiosi. Filippo, d’altra parte, voleva gestire da solo il regno che la moglie avrebbe ereditato e che un’opportuna demenza della stessa gli avrebbe consegnato. Forse è in ragione di ciò che Isabella nominò nel suo testamento il marito Ferdinando reggente incondizionato della Corona di Castiglia. Alla morte di Isabella, 26 novembre 1504, Ferdinando assunse immediatamente la reggenza facendola acclamare dalle Cortes a Toro. Fu immediata la protesta del genero Filippo che non voleva perdere la Castiglia ed era pronto allo scontro armato, scontro che venne, tuttavia, evitato dall’arte diplomatica di Ferdinando. Si arrivò così all’accordo di Villafáfila in base al quale Ferdinando cedeva la Castiglia a Filippo, convenendo con un secondo trattato l’esclusione di Giovanna dal governo a causa del suo presunto stato mentale alienato ma, subito dopo, dichiarò di avere subìto un’estorsione da parte del genero, che accusò di tenere prigioniera Giovanna, e smentì il trattato appena firmato, affermando che Giovanna doveva mantenere i propri diritti di Reina proprietaria della Castiglia. In questa controversia appare evidente la contraddizione tra la prima dichiarazione di incapacità della figlia e la successiva affermazione dei diritti regali della stessa: una volta folle, un’altra savia. In effetti sia Ferdinando che Filippo «ambedue hanno interesse ad accreditare l’idea che Giovanna sia incapace di governare ». Sopravvenne provvidenziale la morte di Filippo, 25 settembre 1506, su cui si sospettò non fosse estranea la mano di Ferdinando, e Giovanna divenne un’ambitissima vedova, erede di una prestigiosa Corona. Qui cominciò la tragedia di Giovanna di Castiglia: il padre Ferdinando, reggente, scrisse a tutte le Corti lamentando la demenza della figlia causata dall’improvvisa morte dell’amato sposo. Nacque la leggenda, opportunamente esaltata e diffusa, degli strani comportamenti di Giovanna, vedova inconsolabile, verso il feretro del marito, comportamenti di cui non vi è documentazione o testimonianza che non provenga dagli ambienti di corte. Dalla morte della madre e fino alla sua, Giovanna detenne solo formalmente il titolo di regina di Castiglia, in quanto il vero potere fu esercitato da una serie di quattro diversi reggenti. Dalla morte del marito, 1506, e fino al 1520 Giovanna venne confinata, per ordine del padre, nel Castello di Tordesillas, completamente isolata dal mondo esterno, e vi rimase anche quando morto il padre Ferdinando, 23 gennaio 1516 a Madrigalejo, la Spagna, ormai unita, passò al figlio Carlo di Gand, poi meglio conosciuto come Carlo V. Il 4 novembre 1517 Carlo, che non vedeva la madre da dieci anni, essendo stato allevato nelle Fiandre dalla zia Margherita, visitò la madre, di cui non ricordava le sembianze e di cui aveva solo sentito descrivere la follia. L’incontro, peraltro, era dettato dalla necessità di ottenere la legittimazione alla assunzione del potere, ma la situazione per Giovanna non cambiò. Carlo temeva le idee poco convenzionali della madre specie per quanto riguarda la religione. Un governo della madre avrebbe avuto effetti dirompenti su quegli interessi del clero e della nobiltà che si erano consolidati negli anni della reggenza di Ferdinando. Avrebbe altresì escluso dalla gestione della corona lui e l’entourage fiammingo di cui era circondato e che si stava arricchendo enormemente alle sue spalle. Un’incapacità mentale di Giovanna faceva comodo a molti e ovviamente gli interessati ne erano consapevoli. Carlo continuò la politica del nonno lasciando la madre nella stessa condizione in cui l’aveva trovata: prigioniera nel palazzo di Tordesillas. «Egli sacrificò risolutamente la madre alla sua missione, come Filippo aveva sacrificato la moglie alla sua avarizia, come Ferdinando aveva immolato la figlia ai suoi piani politici». Carlo pose a custodia di Giovanna il marchese di Denia, don Bernardino de Sandoval y Royas che si dimostrò un feroce aguzzino non migliore del suo predecessore Ferrer, che, peraltro, dichiarava di non avere mai sottoposto la Regina alla tortura della cuerda se non per ordine del padre Ferdinando. La prigionia di Giovanna, regina di Castiglia, a Tordesillas fu estremamente dura, per quanto coerente con i tempi, e resa ancora più dura sia dal rigoroso isolamento a cui fu sottoposta sia dai tentativi di costringerla a pratiche religiose, come la confessione, che ostinatamente rifiutava. Il marchese di Denia manifestò uno zelo esemplare nella sua funzione di carceriere-aguzzino, come dimostra la corrispondenza intrattenuta con Carlo, nella quale a volte gli ricordava che prima dei sentimenti filiali dovevano venire gli interessi politici: a volte suggeriva di applicare alla Regina la tortura perché questa sarebbe stata utile alla sua salvezza e certamente avrebbe reso un servizio a Dio e spesso gli ricordava che egli agiva nel suo esclusivo interesse. Il marchese allontanava quei frati che, messi vicino alla Regina nel tentativo di convertirla, ne divenivano, invece, amici e difensori, come accadde per frate Juan di Avila. Di tutto veniva sempre informato il figlio Carlo, che temeva una Giovanna libera e attiva, che potesse infiammare il serpeggiante sentimento popolare antifiammingo, mettendo in pericolo il suo potere. Da tempo covava in Castiglia un forte risentimento contro Carlo e i fiamminghi del suo seguito per la rapacità con cui esercitavano il potere e per averne monopolizzato quasi tutte le leve. A ciò si aggiungeva il fatto che Carlo si sarebbe dovuto allontanare per cingere la corona imperiale cui era pervenuto dopo la morte del nonno Massimiliano in seguito a una confusa serie di intrighi e immense somme di danaro spese per comprare i voti necessari all’elezione. In effetti Carlo partì il 20 maggio 1520 lasciando come suo reggente l’odiato fiammingo Adriano di Utrecht, futuro papa Adriano VI. Alla fine del maggio 1520 scoppiò la cosiddetta rivolta dei Comuneros, con carattere prevalentemente antifiammingo, a capo della quale emerse Juan de Padilla. Nell’agosto dello stesso anno i rivoltosi occuparono Tordesillas, allontanarono il Denia liberando Giovanna, convinti del suo buono stato mentale e cercando di farla passare dalla loro parte. Giovanna ricevette diverse volte i rappresentanti degli insorti ma non accettò mai di porsi in contrasto con il figlio mettendosi dalla loro parte anche se l’avevano liberata: rifiutò sempre di firmare qualsiasi documento che legittimasse la loro azione. È in questa situazione che dimostrò con il suo comportamento di non essere folle preservando gli interessi del figlio. Lo stesso Adriano di Utrecht, diventato vescovo di Tortosa, comunicava a Carlo che tutti testimoniavano della sanità mentale di Giovanna precisandogli anche: «…vostra altezza ha usurpato il titolo reale e ha tenuto prigioniera a forza la regina, che è del tutto assennata, sotto il pretesto che è folle…». La rivolta venne repressa con la battaglia finale di Villalar, il 23 aprile 1521 e i suoi capi furono giustiziati. Dopo il fallimento della rivolta dei comuneros vi fu una sorta di restaurazione: prevalse la grande nobiltà, trionfò l’ortodossia religiosa più conformista, Giovanna fu ricacciata in una seconda prigionia, ancora più dura e crudele della precedente, sotto la custodia del Denia, richiamato per l’occasione, ancora più ostile e livido per le vessazioni subite durante la rivolta. Lentamente, dopo una serie infinita di piccole e grandi angherie, Giovanna fu ridotta ad uno stato bestiale da cui la liberò solo la morte: venerdì 12 aprile 1555 venerdì Santo, dopo avere rifiutato per l’ennesima volta la confessione, morì assistita da Francisco de Borja, che testimoniò la sua lucidità. Giovanna fu sepolta nella Capilla Real (Cappella Reale) della cattedrale di Granada, insieme al marito e ai Re Cattolici. Giovanna venerava il padre di cui però fu vittima, ma egli ravvisava in lei pensieri non abbastanza ortodossi, e non abbastanza disposti a seguirlo nella prediletta politica di Inquisizione e di roghi. Giovanna di Castiglia passò alla storia con il soprannome di Pazza, un epiteto dai risvolti ingiuriosi, e forse alla fine lo diventò dopo 46 anni di prigionia durissima, quasi ininterrotta. Michael Prawdin ha visto in questo il segreto di Tordesillas: la ragion di stato sarebbe stata la causa della prigionia di Giovanna, con il pretesto della sua follia, e ciò l’avrebbe resa veramente tale. Giovanna dimostrò fino all’ultimo una fermezza e una forza morale che neanche la prigionia dura, spietata e senza alcun privilegio per la sua posizione regale riuscì a piegare. A distanza di pochi mesi dalla morte di Giovanna, il figlio Carlo V, imperatore del Sacro Romano Impero abdicherà e morirà tre anni dopo nel Monasterio de Yuste, il 21 settembre 1558. Secondo G. Belli, Giovanna, Reina proprietaria di Castiglia e di León, di Galizia, di Granada, di Siviglia, di Murcia e Jaén, di Gibilterra, delle Isole Canarie, delle Indie Occidentali, di Aragona, di Navarra, di Napoli e Sicilia, contessa di Barcellona e signora di Vizcaya, «non era pazza bensì vittima delle circostanze politiche dell’epoca». (La lettura completa è proposta su Wikipedia)

Questo Romances viene proposto con testi diversi nel tentativo di raccontare questa storia. Riportiamo pertanto uno dei testi, e una serie di videos non legati al Flamenco a descrizione della storia sopra raccontata. 

Romance de la Reina Juana

La reina Juana está hilando 
apostada al ventanal. 
enfermó de mal de amores, 
¡quién la pudiera sanar! 
cuando a tantos se persigue 
ya no es de cuerdos amar. 
Tomo el copo, lanza el huso 
y otra vez vuelve a empezar. 

Doña Juana está muy triste 
¡Sabe Dios por qué será! 

Llegaron hombres de fuera 
hablando un extraño hablar. 
Si las encinas les niegan, 
rasarán el encinar. 
En Castilla ya no mandan 
los que debieran mandar. 
Vuelan grajos, vuelan tordos, 
las palomas volarán. 

Doña Juana está muy triste 
¡Sabe Dios por qué será! 

Las campanas a rebato 
llamando a la vencida. 
Las siembras en la meseta 
comienzan por buen segar. 
Y a través de los pinares 
se llega hasta el encinar. 
Surgen horcas, surgen hoces, 
las guadañas surgirán. 

Doña Juana está muy triste 
¡Sabe Dios por qué será! 

Acuden de todas partes formando comunidad. 
Populares comuneros 
el pueblo en su dignidad, 
ataja por los rastrojos 
si hay afrentas que vengar. 
El pueblo luchando sigue, 
la reina en cautividad. 

Doña Juana está muy triste 
¡Sabe Dios por qué será! 

Castilla ya no es Castilla, 
ya solo es tierra de pan. 
la tierra ya no es la tierra 
que tan sólo es propiedad 
y su pan los castellanos 
con sudor lo han de amasar 
¡Ay, del pueblo, si quisiera 
darse nuevo capitán! 

Doña Juana está muy triste 
¡Sabe Dios por qué será!

La ascoltiamo cantata da Maria Salgado

Questo invece la versione di Antonio Amaya 

E da Amacio Prada. 

Anche in questo caso non si tratta di una traccia di Romance intesa come palo flamenco ma di una storia cantata che racconta la triste vita di Juana La Loca. Come per la Reina Mercedes è sempre Bernarda che ci canta una Canción por Bulerías.

Bernarda de Utrera, Nata ad Utrera (Sevilla) nel 1927; tratto da Cultura Jonda Vol.7 Fernanda y Bernarda de Utrera, Romance de la Reina Juana – Bulerías-Canción – Guitarras: Juan Maya “Marote”, Ramón de Algeciras

deezer

Bulería
Del color de la adelfa
y verde limon
asi seria la que esta en Utrera
(Virgen) de Consolacion

Romance de la Reina Juana *Canción por Bulería
Quiso ver toda la España poderosa
con su buen padre don Fernando
la nobleza y la esperanza de Castilla
es la infanta un corazon apasionado

Romance de la Reina Juana *Canción por Bulería
Y encerrada en las torres de su castillo
la locura de su amor se le desboca
y a la sombra de los largos corredores
la doncella reza por su reina loca

Romance de la Reina Juana *Canción por Bulería
Burgos llora su locura
Valladolid se lamenta
Tordesillas la recoge
del suelo ya media muerta

Romance de la Reina Juana *Canción por Bulería
Y en Granada don Felipe
sueño de mal no reposa
y en Castilla vive presa
la locura de su esposa

Romance de la Reina Juana *Canción por Bulería
Celos de la luz y del viento
que tormento
celos de la mar y el aire
mi mario se ha dormido
que fatiga
no lo despierte nadie

Romance de la Reina Juana *Canción por Bulería
Reina Juana por que lloras
si tu pena es la pejor
porque no fue por cariño
que fue locura de amor
Reina Juana por que lloras
si tu pena es la pejor
porque no fue por cariño
que fue locura de amor

Fonti web: 


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: