Farruca

…E indietro negli anni, ancora una nuova partenza e una nuova malinconia. Ognuna con la propria valigia, in riva al mare sulle coste galiziane, saluta all’alba una terra a cui il mare risponde al suono di una Gaita. Più tardi negli anni una musica riecheggia trasformata nelle nostre menti, mentre ormai in terra straniera tutto è divenuto mancanza, assenza e ricordo. Un inno alla patria, un canto emigrante, un valore comune a tutti i popoli del mondo ed è per questo che non ha importanza quale sia realmente la patria di questo palos. È una terra che si è costretti ad abbandonare e che sempre resta nei cuori di chi vi è nato, un ricordo che llora amargamentepor Farruca.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: